Storia e le tradizioni – i castelli di Pavia

Storia e le tradizioni – i castelli di Pavia

Non bastano il Castello dei Visconti, dove soggiornò Francesco Petrarca, o quello di Vigevano, alla cui realizzazione contribuirono Bramante e Leonardo, quello di Voghera o di Belgioioso, noto per gli eventi ospitati. Sul territorio pavese i castelli spuntano un po’ dappertutto, uno diverso dall’altro: qualcuno fortezza, qualcuno più buon ritiro rinascimentale, alcuni svettanti sulle cime delle colline dell’Oltrepò Pavese, altri immersi nella sterminata campagna verde della Lomellina coltivata a riso. Oppure quelli di Chignolo, Lardirago, Inferno e Monteleone o Bereguardo, nel pavese. Alcuni privati, altri aperti al pubblico: il castello di Oramala, frequentato dai poeti provenzali, quello di Montalto Pavese, di Stefanago in val Schizzola, di Cigognola, di Zavattarello, Mornico, di Montesegale, di Fortunago, di Varzi. O il castello di Frascarolo, oggi sede di un Museo contadino, e quelli di Scaldasole, di Cozzo, di Valeggio, di Tortorolo e quello di Sartirana che, secondo la tradizione, ha in comune con il Cremlino l’architetto che lo ha progettato.

Rivivi il tour #il365 | #inLombardia365 #lamialiguria tra Pavia e Liguria su Facebook, Twitter e Insagram!

Tags:
,
No Comments

Post A Comment