Sentiero del contrabbando

Sentiero del contrabbando

8 luglio 2016

Questa è un’escursione ricca di testimonianze riguardanti l’antropizzazione del territorio effettuata dall’uomo nel corso degli anni. Si parte da Tirano, piazzale della Stazione,  428 m, si percorre la via Roma passando vicino alla Chiesa del Sacro Cuore, con adiacente oratorio.

Si percorre via Quadrio per arrivare alla piazzetta Trombini, dove, sul lato nord, si apre uno spazio verde al centro del quale è stato collocato il monumento agli emigranti della Valtellina e Valchiavenna nel mondo.

Si prosegue percorrendo via San Giuseppe per giungere nella piazzetta Pievani (fontana), dove sorge l’antica Chiesa di San Giacomo, sede della Biblioteca Civica Paolo e Paola Maria Arcari.

Questa è un’escursione ricca di testimonianze riguardanti l’antropizzazione del territorio effettuata dall’uomo nel corso degli anni.

Si parte da Tirano, piazzale della Stazione,  428 m, si percorre la via Roma passando vicino alla Chiesa del Sacro Cuore, con adiacente oratorio.

Si percorre via Quadrio per arrivare alla piazzetta Trombini, dove, sul lato nord, si apre uno spazio verde al centro del quale è stato collocato il monumento agli emigranti della Valtellina e Valchiavenna nel mondo.

Si prosegue percorrendo via San Giuseppe per giungere nella piazzetta Pievani (fontana), dove sorge l’antica Chiesa di San Giacomo, sede della Biblioteca Civica Paolo e Paola Maria Arcari.

Si comincia a salire, passando vicino alla Cantina Vinicola Pozza, si percorre via Masuccio per salire tra le ultime case e i primi vigneti fino al bivio, 594 m.

La segnaletica indica di proseguire a destra seguendo la mulattiera in direzione Baruffini, passando tra vigneti accuratamente lavorati.

Salendo, si gode un panorama che si estende su Tirano e sulla Valle dell’Adda sino al terrazzo di Teglio e sul conoide alluvionale della Valchiosa coperto dai meleti, per arrivare infine alla frazione Baruffini, 792 m (fontana).

Seguendo la segnaletica si percorrono le stradine che attraversano la caratteristica frazione fino a seguire la strada che in direzione nord-ovest sale, passando vicino al caratteristico nucleo della località Piazzo, 926 m.

Si percorre la strada carrareccia che si inoltra in Val Poschiavo godendo degli scorci sul fondovalle della Valtellina fino a Teglio.

Sempre seguendo la carrareccia si raggiunge, dopo un ripido strappo, la ex caserma della Guardia di Finanza di Sasso del Gallo, 1.239 m, in stato di abbandono e interessata da fenomeni di smottamento.

Si prosegue per pochi m e si arriva al confine di Stato.

L’itinerario può proseguire in territorio elvetico e permette, muniti di documenti di riconoscimento, di accedere agli itinerari della Val Poschiavo.

Dal confine di Stato la segnaletica indica di seguire un sentiero pianeggiante e panoramico che attraversa un bosco di conifere purtroppo in alcuni tratti interessato alcuni anni fa da un grosso incendio.

Si raggiunge quindi la località Zocca, 1232 m.

Si prosegue per un tratto su strada asfaltata percorrendo poi, a sinistra, una strada sterrata fino alla località Prà Fontana, 1216 m ricca di terrazzamenti, ora incolti ma un tempo coltivati a grano saraceno.

Dalla località Prà Fontana, seguendo le indicazioni della segnaletica, si percorre la strada sterrata che scende a incrociare la strada carrozzabile Baruffini-Pra Campo.

La si segue per circa 800 m fino a incrociare, a sinistra, il sentiero che, attraversando i castagneti, scende alla frazione di Baruffini, 792 m. Ripercorrendo l’itinerario di salita si scende velocemente, seguendo la mulattiera, a Tirano.

Per informazioni:

Ufficio Turistico Tirano

Tel. +39 0342 706066 – iattirano@valtellinaturismo.com

 

Seguiteci nel prossimo tour in Valtellina con #inLombardia365 su Twitter, Instagram, e Facebook