Salò

Salò

16 settembre 2016

Adagiata lungo il golfo omonimo al riparo dai venti, la cittadina di Salò, grazie alla sua posizione centrale e vicina alle principali vie di comunicazione è considerata un punto di riferimento per tutta la zona per i servizi offerti e per le sue vivaci attività economiche, amministrative e commerciali. Ma la sua importanza è soprattutto di carattere storico: Salò fu capoluogo della Magnifica Patria durante la dominazione Veneta e sede di numerosi ministeri del governo fascista della Repubblica Sociale Italiana. Tracce di questo prestigioso passato sono ben evidenti lungo tutta la passeggiata nell’elegante centro storico, ricco di edifici di grande valore storico – artistico, oltre che di occasioni per lo shopping. Salò va fiera in particolare del Palazzo della Magnifica Patria, costruito nel 1524 dal progetto di Sansovino, ricostruito dopo il terremoto del 1901 e del Duomo costruito nel XV secolo in stile tardo gotico dove sono presenti importanti testimonianze artistiche. L’offerta turistica di questa movimentata cittadina non si ferma di certo qui: anche per gli amanti dello sport e dell’aria aperta c’è la possibilità di sbizzarrirsi negli itinerari lungo la collina alle spalle del paese o sulla passeggiata a lago che segue tutto il golfo.

 

DUOMO

Dedicato a Santa Maria Annunziata, rappresenta una delle opere di maggior pregio architettonico della città. Al suo interno custodisce tele del Romanino (1484-1566), del Moretto (1498-1564), di Zenon Veronese (1484-1553) e il Polittico di Paolo Veneziano (1300-1362). Antonio Vassilacchi detto l`Aliense, vi eseguì diversi affreschi. Progettato da Filippo delle Vacche in tardo stile gotico, la prima pietra dell`attuale Chiesa fu posta il 7 ottobre 1453, non fu mai concluso, la facciata, infatti, rimane ancora incompleta, tuttavia dal 1509 è abbellita dal portale marmoreo del Tamagnino. Sorge al centro della città, sul luogo che ospitava, anticamente, un tempio pagano e, in seguito, la Pieve di Santa Maria. All`interno si trova la cappella del SS. Sacramento, con decorazioni di Giovan Battista Trotti, detto il Malosso. In luglio, nella piazzetta antistante il Duomo, si tengono i concerti di musica classica dell’ estate musicale.

 

MU.SA. IL MUSEO DI SALO’

Il Mu.Sa, il nuovissimo Museo di Salò, è stato inaugurato nel giugno 2015 e già si contraddistingue come luogo di cultura, in cui raccogliere, interpretare, comunicare l’identità della città, dei suoi tesori e del suo contributo alla storia nazionale.
Il percorso museale è costituito da alcuni nuclei eterogenei fra loro che si innestano fino a comporre la storia di Salò, in continuo dialogo con il paesaggio urbano e il lago.
Il Mu.Sa si articola su tre livelli, così come era per la ex chiesa di Santa Giustina e il collegio; il piano terreno ospita abitualmente esposizioni temporanee.

 

Rivivi le avventure di questo tour#inLombardia365 su TwitterInstagram Facebook!