Locals of Lombardia: Nonna Morena

Locals of Lombardia: Nonna Morena

3 marzo 2016

Oggi vi presentiamo Morena, nata e cresciuta in Valtellina, precisamente a Sondrio, dove vive da quasi 60 anni. Ex commerciante in pensione, ma nonna impegnatissima, tra i numerosi hobby ama particolarmente andare alla scoperta delle montagne valtellinesi attraverso escursioni in alta e media quota praticando diversi sport, sia estivi che invernali.  Nonostante le origini montane, adora il mare (è una skipper esperta), e sono proprio l’amore e il profondo rispetto per la natura che la spingono spesso a viaggiare per scoprire luoghi lontani.

 

Morena, se dovessi descrivere la Valtellina con 3 aggettivi, quali sceglieresti?

La Valtellina è “concentrata”: in così poca distanza offre la possibilità di scoprire le Alpi Retiche e le Alpi Orobiche che l’abbracciano, così diverse fra loro. Salendo dalla valle in 10/15 minuti si può arrivare già oltre i 1.000 mt!

La Valtellina è “inaspettata”: si rivela a poco a poco, svelando tra i suoi pendii paesi che sembrano piccoli gioielli incastonati a mezza montagna, tra vigne ordinate e terrazzamenti che sembrano cartoline. Scoprire la silenziosa e quasi impercettibile operosità valtellinese sembra cosa d’altri tempi, ma qui è veramente facile trovare un mix perfetto di storia, cultura, sport e relax.

Infine, la Valtellina è “accogliente”: qui la maggior parte delle attività sono a conduzione famigliare e il turista si sente a casa. La cucina è semplice e gustosa, gli ingredienti sono pochi ma sapientemente combinati. Le produzioni sono artigianali e potrete assistere alla trasformazione del latte, alla produzione dei pizzoccheri o della bresaola, la lavorazione del legno o la realizzazione dei Pezzotti, tipici tappeti colorati.

 

Qual è il tuo luogo preferito in Valtellina?

Il mio luogo preferito sono le montagne della Valmalenco, sia nella loro veste invernale che in quella estiva. Con un buon allenamento si possono raggiungere gli oltre 4.000 mt della Cima del Bernina al confine con la Svizzera. Mi piace molto anche la Val di Rezzalo, un posto magico dove trascorre un weekend con la famiglia, facendo lunghe passeggiate, con le ciaspole d’inverno o con la mountain bike d’estate, e pernottare in una baita.

 

Qual è il luogo che gli instagramers non possono non fotografare in Valtellina?

Nella gallery di un instagramer che viene in Valtellina, non può assolutamente mancare lo scatto di una cima innevata, in particolare consiglierei quella del Pizzo Scalino. Aggiungerei anche uno scorcio di un paesino di montagna e perché no, un bel piatto di pizzoccheri o un tagliere di bresaola, accompagnati da uno dei tanti buonissimi vini rossi.

 

Qual è l’esperienza assolutamente da non perdere se si viene in Valtellina?

Chi viene in Valtellina non può mancare un giro ad alta quota accompagnato da un’attività adrenalinica come una corsa con i cani da slitta in inverno, o una discesa di rafting sull’Adda in estate. E poi una pausa di relax alle Terme, da concludere con un’esperienza culinaria per appagare tutti i sensi.

 

Cosa pensi del progetto #inLombardia365, che vuole aprire la Lombardia al mondo?

Durante i miei viaggi per il mondo ho scoperto che tanti conoscono Milano, molti il Lago di Como, ma la Lombardia è molto di più. La nostra bellissima regione merita di essere conosciuta anche per le sue meraviglie meno famose, più periferiche, come la Valtellina che è un territorio unico e dalle mille sfaccettature. Ben venga il progetto #inLombardia365 e apriamo le porte della Lombardia al mondo!

P3292811-768x576