La Norvegia in Lombardia: 5 buone ragioni per visitare la Rocca d’Anfo sotto la pioggia

La Norvegia in Lombardia: 5 buone ragioni per visitare la Rocca d’Anfo sotto la pioggia

15 giugno 2016

Che la Lombardia abbia innumerevoli pregi nascosti ormai non è più un segreto. Ma non avevo mai pensato di trovare un fiordo norvegese nella mia regione, con nuvole bianche appoggiate sui lati delle montagne e riflessi inclusi. La strada per ammirare questa meraviglia? Visitare la Rocca d’Anfo e il lago su cui si sporge in una giornata di pioggia.

Certo, non è il massimo salire fino all’osservatorio accompagnati da infinite gocce insistenti, ma ci sono almeno 5 buoni motivi per trovare il coraggio di sfidarle apertamente (più o meno all’altezza della Batteria Belvedere, un edificio della Rocca):

  1.  Il panorama è “oltre qualsiasi definizione verbale”.

  2. La Rocca vista dall’esterno (come anche dall’interno) vi tele trasporterà in un passato molto, molto lontano, senza che dobbiate lasciare il presente reale.

  3. Vi sposterete non solo nel tempo ma anche nello spazio: le alte montagne che circondano il Lago d’Idro, le nuvole pesanti per la pioggia, i piccoli paesi sulle sponde del lago, vi faranno sicuramente ricordare la Norvegia, se ci siete già stati, oppure vi anticiperanno lo splendore di un luogo imperdibile.

  4. Le frequenti piogge rendono più verde tutto quello che circonda le 34 fortificazioni che compongono la Rocca: il contrasto tra il colore delle mura e quello della vegetazione vi resterà negli occhi per molto tempo.

  5. Il meteo in Valle Sabbia cambia velocemente. Probabilmente, quando starete per andarvene, tra le nuvole compariranno i primi raggi di sole, e quindi rimanderete la partenza per stare ancora un po’ immersi in questa meraviglia.

@saradeluigi

Rivivi tutta l’avventura dei nostri amici alla Rocca d’Anfo e Valsabbia con #inLombardia365 su Twitter, Instagram, e Facebook !