Brescia con gusto: dal caviale alle lumache alla bresciana

Brescia con gusto: dal caviale alle lumache alla bresciana

2 giugno 2016

Le mille sfaccettature geografiche della provincia di Brescia (laghi, montagna, colline, pianura) si propongono anche nei suoi eccezionali prodotti tipici e nella sua cucina.

Non è un caso che i ristoranti bresciani figurino sempre ai primi posti delle classifiche stilate da guide e riviste di settore. Il motivo è semplice: si parte da materie prime selezionate e si presta grande attenzione a proporre piatti che risultino sempre unici e mai banali.

La cucina bresciana propone una infinità di formaggi, oli extravergine di oliva, marmellate, carni e pesci, ciascuno di essi legata ad una specifica parte del territorio: il pesce dei laghi di Garda, Iseo e Idro; le carni provenienti dagli allevamenti di pianura; la selvaggina e i formaggi tipici delle zone di montagna.

Non mancano le sorprese, come le lumache alla bresciana, piatto della tradizione gastronomica locale, cotte con gli spinaci e condite con abbondante parmigiano grattugiato.

Un altro sorprendentemente gioiello made in Brescia è il caviale Calvisius.

Si racconta che nell’odierna Calvisano, nella Pianura Bresciana, vivesse un patrizio romano dal fine palato, Calvisius. Appassionato del buon cibo costruì una lussuosa dimora per poter allevare gli storioni e avere sempre a disposizione caviale fresco. Da questo raffinato anfitrione deriva il nome della città erede di questa tradizione, Calvisano.

Questa è la storia dello storione bianco, una meravigliosa creatura che arriva a vivere anche 100 anni e a pesare 400 kg, per una lunghezza di 6 metri. Lo storione bianco è un pesce dalle straordinarie doti salutari in linea con le moderne esigenze alimentari; ha una carne particolarmente morbida, con il 18% di proteine e un contenuto di grassi pari al 3%.

Il fascino del caviale è dovuto soprattutto alla sua capacità di donare perle preziose e rare, doni per palati sopraffini: il tipo di storione che si alleva a Calvisano produce uova particolarmente grandi, fino a 3mm, seconde per dimensione solo al russo Beluga.

Il risultato è un caviale di alta qualità, delicate perle grigio-scure con un notevole spessore, lavorate in stile Malossol, (ovvero “con poco sale”) che così conservano lo straordinario profumo naturale. Sua caratteristica principale è il delicato sapore fruttato da degustare con un cucchiaio di madreperla per non alterarne il sapore che è leggermente nocciolato e l’aroma delicato, accompagnandolo magari ad un Franciacorta rosè.

Un capitolo a parte meritano i vini; vini eccezionali come il franciacorta, (fra i più Importanti “sparkling” d’italia), il Garda classico e i tanti altri ben rappresentati dai consorzi di tutela e valorizzazione. Sono tutti motivi sufficienti per suggerire una vacanza a Brescia seguendo il leitmotiv del gusto.

Un consiglio per scoprire questa bella regione? Affidarsi al piacere della scoperta; viaggiare fra colline e filari di vite, magari a bordo di un’auto d’epoca per rivivere le sensazioni della Mille miglia; recarsi in cantina a degustare i vini piu’ interessanti, seguendo l’amichevole ed esperto suggerimento del produttore; ricercare i prodotti tipici fra malghe di montagna e piccoli comuni; affidarsi alle premurose cure delle trattorie più genuine o vivere l’esperienza di uno dei tanti ristoranti stellati che hanno portato brescia ai top nazionali.

Gesti semplici e riti antichi che accompagnano il piacere di una vacanza a Brescia.

 

Rivivi tutta l’avventura dei nostri amici a Brescia e Lago di Garda con #inLombardia365 su Twitter, Instagram, e Facebook !