Alba e la Fiera del Tartufo

Alba e la Fiera del Tartufo

28 novembre 2016

Ogni anno, a novembre, Alba fa rima con tartufo. L’86° appuntamento della Fiera Internazionale del tartufo Bianco d’Alba si concluderà il 27.11.2016, in una profumata scia di rievocazioni, performance artistiche, wine tastings, analisi sensoriali, banchetti e foodies moments. In particolare, fino al 31 gennaio 2017, tutti i giorni della settimana in condizioni meteo favorevoli, nei dintorni di Alba è aperta la ‘stagione’ della cerca del tartufo, l’esperienza più emozionante per un appassionato di tuberi: la simulazione prevede che un cercatore (trifolao), accompagnato dal suo cane (tabui) e da una guida esperta di tartufo, ambiente naturale e territorio, conduca i turisti nel bosco alla ricerca del prezioso fungo ipogeo, guidato solo dal fiuto dell’animale e dall’intuito maturato in anni di esperienza.

Un altro modo divertente di vivere la Fiera, è andare al suo Mercato, la più grande esposizione mondiale di tartufi provenienti dalle colline piemontesi di Langhe, Roero e Monferrato e comprarsi un pezzo, magari facendo colletta con gli amici. Al Mercato Mondiale del Tartufo, tutti i Tartufi Bianchi d’Alba con un peso superiore ai 10 grammi sono venduti all’interno di un sacchetto numerato che vale come garanzia e che dà diritto a un cambio qualora il tartufo risultasse insoddisfacente. Oltre ai tartufi, naturalmente al Mercato sono migliaia i prodotti tipici in degustazione e vendita: vini, distillati, liquori, formaggi, salumi, pasta fresca e secca, prodotti da forno, dolci tradizionali, cioccolato, ortaggi, Nocciole Piemonte IGP e prodotti a base di Nocciole Piemonte, Castagne di Cuneo IGP, farine speciali e funghi. Un’area specifica è poi riservata alla ristorazione e alla degustazione dei grandi vini di Langhe e Roero: qui si possono assaggiare piatti cucinati con le materie prime vendute negli stand – compreso il proprio tartufo. I vini in degustazione, serviti da sommelier dell’AIS (Associazione Italiana Sommelier), sono nella Grande Enoteca delle Langhe e del Roero, un’area studiata per offrire un assaggio dello straordinario patrimonio enoico della zona.

Ma che cosa è esattamente il tartufo? Fungo ipogeo conosciuto sin dall’epoca degli antichi Romani, dalla forma globosa, appiattita e irregolare e dalle dimensioni variabili, non è attualmente coltivabile: l’unico in grado di trovarlo e dissotterrarlo è il trifolao, accompagnato dal suo cane addestrato, lungo sentieri e luoghi di ricerca segretissimi. Per gli appassionati, domenica 15 gennaio 2017 Canale d’Alba ospiterà il VII Raduno regionale dei trifolai e dei cani da tartufo.

Nel corso dell’ultimo secolo il Tuber magnatum pico ha fatto il giro del mondo, conquistando le tavole che fanno tendenza nei quattro angoli del pianeta. Il tubero sprigiona un intenso caratteristico profumo e si presta ad essere degustato tanto in semplici quanto in raffinate preparazioni: sulla carne cruda battuta al coltello, l’uovo fritto, i tajarin in bianco e la fonduta in primis.

In Alba e dintorni, l’occasione della Fiera del Tartufo è senz’altro ghiotta per concedersi un pranzo in uno degli straordinari ristoranti di Langa e del limitrofo Roero che offrono menù speciali a base di tuber: ad esempio il ‘triplo stellato Michelin’ Piazza Duomo, in Piazza Risorgimento, o la sua versione pop ‘La Piola’, sulla medesima piazza. A Treiso, poco fuori Alba, ‘La Ciau del Tronavento’, a Serralunga d’Alba il lussuoso ‘Il Boscareto Resort’, al di là del Tanaro l’ ‘Enoteca di Canale’ e tanti altri ancora.

Molti anche gli eventi artistici e culturali di grande rilievo connessi al periodo di Fiera: ‘FuturBalla’, omaggio a Giacomo Balla con opere appartenenti a prestigiose collezioni pubbliche e private, italiane ed estere (visitabile fino al 27 febbraio 2017); ‘S’oggetto’, che inscena frammenti e materiali che, uniti a scarti della produzione industriale, acquistano un nuovo significato reinventando oggetti di uso quotidiano, a metà strada tra arte e design; ‘Regine e Re di cuochi’, esperienza multisensoriale dedicata alla cucina italiana d’autore e ai suoi protagonisti.

www.fieradeltartufo.org; www.piemonteitalia.eu

 

Seguite questo il viaggio con #il365#inLombardia365 #VisitPiemonte